ANSA ULTIM'ORA

Trieste – Taser: dopo la sperimentazione, il comune vede con favore l’utilizzo per la polizia locale

luglio 30th, 2018 | by redazione
Trieste – Taser: dopo la sperimentazione, il comune vede con favore l’utilizzo per la polizia locale
Bar Italia
0
Trieste –  Dopo la sperimentazione del “Taser” e della “spy pen”, in 11 città italiane, il comune di Trieste chiede  di estendere l’uso della pistola elettrica anche alle forze di polizia locale. L’appello lanciato da Trieste vede in prima persona il coinvolgimento ancora del Sap  e del segretario provinciale Lorenzo Tamaro: “la sezione locale si augura che, ben presto, anche nel capoluogo regionale, gli operatori della Polizia di Stato vengano forniti del prezioso strumento. – dichiara – A nostro avviso, l’utilizzo del Taser diminuirà di molto il contatto fisico riducendo il numero dei feriti nelle forze di polizia, così elevato ed in aumento negli ultimi anni. Una diminuzione del contatto fisico che porterà benefici anche per gli stessi aggressori e aiuterà ad evitare magari drammi ben maggiori già visti negli anni passati”
Tra le prime campagne mediatiche, ha ottenuto molti consensi quella sulla spy pen  lanciata proprio nel nord est del Paese ed in particolare a Trieste. “Un ruolo fondamentale per la sicurezza che,  grazie alle telecamere su divise e autovetture per documentare tutto ciò che accade rappresenta – spiega Tamaro –  un valido strumento per gli operatori di polizia durante un intervento al fine di  evitare le “immancabili” false denunce che causano dei lunghi procedimenti penali e spesso processi mediatici che alla fine poi si rivelano  “bolle di sapone”. Le telecamere costituiscono un ottimo deterrente per i malintenzionati e uno strumento di assoluta “verità e trasparenza”- aggiunge – Fa piacere quindi che anche in ambito locale, a Trieste, nello specifico per la Polizia Locale, oggi chiamata a svolgere mansioni ben diverse da quelle dei tempi passati dei “vigili urbani”, si chieda l’utilizzo di questi utili strumenti di lavoro”.

Una certificazione questa della bontà delle richieste e delle battaglie del SAP per una polizia più moderna ed a passo con i tempi. “Fondamentale sarà però oltre che ad avere in dotazione questi strumenti, avere un corretto addestramento al suo utilizzo e soprattutto regole chiare a livello normativo: è importante che ci siano poche, ma chiare norme per l’utilizzo dello strumento in questione. La sicurezza è un bene di tutti, – conclude Tamaro – perché ciò sia tale è indispensabile investire anche economicamente su di essa, con l’acquisto di dotazioni e strumenti moderni”.

FEDERICA BOSCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *