ANSA ULTIM'ORA

Trieste – San Giacomo nel degrado. Serbo (Ar) “Vandalismo e schiamazzi da fermare”

settembre 21st, 2017 | by redazione
Trieste – San Giacomo nel degrado. Serbo (Ar) “Vandalismo e schiamazzi da fermare”
Nord Sud Ovest Est
0
IMG-20170916-WA0006Trieste – Rilevando le numerose proteste dei residenti  delle vie Scalinata e delle Lodole, il segretario provinciale di Autonomia Responsabile Fulvio Serbo si fa portavoce delle istanze che ormai da un anno e mezzo la popolazione segnala costantemente alle autorità preposte.
Nei luoghi interessati tra le suddette vie, parte in proprietà pubblica e parte in proprietà privata,  si susseguono episodi continui di schiamazzi ed imbrattamento del suolo da parte di un gruppo di una decina di adolescenti non monitorati dalle relative famiglie.
“Trattasi – rileva Serbo – per lo più di ragazzi non residenti nella zona, che stazionano per pomeriggi interi nel piazzale sotto i condomini interessati, procurando non pochi fastidi fra schiamazzi, musica ad alto volume e imbrattamento del suolo con i resti del cibo e delle bevande consumate nell’arco di ogni giornata. È una situazione intollerabile – tuona Serbo – le autorità sono state più volte avvisate pure dai responsabili della biblioteca comunale adiacente, ma senza grossi risultati, questo gruppo di adolescenti bivacca quotidianamente sempre nella stessa area provocando rumori molesti e sporcando il suolo con rifiuti che poi rimangono lì per giorni, se non settimane”.
Vengono segnalati inoltre episodi di vandalismo mediante il lancio di sassi prelevati dalle fioriere di abbellimento, oltre che le ripetute salite fino al primo piano delle abitazioni con pericolose arrampicate sulle grondaie di scolo.
Sembra impossibile per queste famiglie riuscire ad ottenere un minimo di serena e pacifica convivenza in quanto, anche se invitati ad un comportamento più civile, gli adolescenti in questione sembrano ignorare le richieste dei residenti che segnalano inoltre la pericolosita’ di alcuni gesti che minano la sicurezza dei ragazzi e dei passanti.
È compito di una società civile impedire il perpetrarsi di questi episodi, pertanto auspichiamo in una rapida risoluzione del problema divenuto ormai insostenibile e logorante per la popolazione del quartiere.
                                                                                                                                                                            LA REDAZIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *