ANSA ULTIM'ORA

Torino – Poliziotto aggredito a Porta Nuova. Maullu (Fi) “Servono più risorse alle forze dell’ordine”

luglio 30th, 2018 | by redazione
Torino – Poliziotto aggredito a Porta Nuova. Maullu (Fi) “Servono più risorse alle forze dell’ordine”
Bar Italia
0
Stefano Maullu europarlamentare di Forza Italia

Stefano Maullu europarlamentare di Forza Italia

Torino – “Le forze dell’ordine italiane necessitano di più tutele, di maggiori risorse, o le aggressioni ai danni di poliziotti e carabinieri continueranno a ripetersi regolarmente, con costanza”.  Stefano Maullu europarlamentare di Forza Italia lancia un grido di allarme. Troppe aggressioni alle forze dell’ordine necessitano un intervento dall’alto. “Il minimo che la politica possa fare – rimarca il forzista – è che alle forze dell’ordine siano assicurate maggiori risorse, garanzie e  tutele, perché purtroppo le forze dell’ordine sono costrette a misurarsi quotidianamente con pericoli inimmaginabili, con situazioni che potrebbero mettere a repentaglio la loro stessa vita”. L’ultimo episodio, in ordine di tempo, si è verificato ieri sera poco prima delle 20,30 a Torino nei pressi della stazione di Porta Nuova dove un poliziotto è stato aggredito da un cittadino di origini africane, un somalo di 20 anni,  con un oggetto contundente. Per eludere un controllo, il giovane, infatti, ha aggredito con una sorta di forchettone da barbecue due agenti della Polfer, ferendone uno alla spalla, dopodiché ha tentato di ripetersi con il secondo agente che è stato più rapido ed ha estratto la pistola di ordinanza ed ha dato fuoco. Sul posto è intervenuto il 118 che ha trasportato i due uomini in ospedale. Il poliziotto, ricoverato al Mauriziano, ha riportato due ferite all’altezza della spalla che i sanitari giudicano guaribili in cinque giorni. Lo straniero, invece, è stato portato in codice rosso alle Molinette, ma non sarebbe in percolo di vita: il proiettile, infatti, lo ha colpito ad un fianco ed e’ uscito dalla coscia senza provocare lesioni letali.

FEDERICA BOSCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *