ANSA ULTIM'ORA

Pavia – Gli Stati Generali delle Donne premiano gli Uomini illuminati contro la violenza di genere

novembre 29th, 2018 | by redazione
Pavia – Gli Stati Generali delle Donne premiano gli Uomini illuminati contro la violenza di genere
Bar Italia
0

Vincere la violenza di genere con l’alleanza degli uomini. E’ questo l’obiettivo che si pone Pavia con il progetto ideato e sostenuto dagli Stati Generali delle donne che, per il secondo anno consecutivo, ha scelto uomini che in Italia si sono distinti nell’arte, nella cultura, nella professioni e nel giornalismo per il loro impegno a sostegno delle donne, contro la violenza di genere. Sabato 1 dicembre alle ore 9, presso l aula Foscolo dell’Università di Pavia, nell’ambito delle attività proprio degli Stati Generali delle Donne sulla violenza maschile di genere, si svolgerà quindi la cerimonia di premiazione degli Uomini Illuminati. “Il premio nasce dalla consapevolezza che il dibattito di genere, finché rimarrà tale, sarà solo un problema delle donne e non porterà alcun cambiamento – spiega Isa Maggi, coordinatrice degli Stati Generali delle Donne – Il “genere” non è solo questione di raggiungere le pari opportunità per le donne e gli uomini. La parità di genere è anche una questione di sviluppo economico. Il messaggio non è nuovo, ma ancora non è stato sufficientemente portato all’attenzione di tutti i responsabili politici. Come può un paese privarsi volontariamente del potenziale umano di metà della sua popolazione? Il costo economico è enorme. Sono ancora troppi gli ostacoli che dovremo affrontare e superare prima di raggiungere una reale parità e probabilmente passeranno ancora molti decenni prima di arrivare all’obiettivo. Per ridurre la disuguaglianza di genere e garantire uno sviluppo sostenibile abbiamo bisogno perciò di allearci con  gli “Uomini illuminati”- rimarca la Maggi –  Uomini che si  mettono con noi a tavolino, lavorano con noi, condividono passione e prospettive future di cambiamento. E sottoscrivono con noi un “Patto per le Donne”  Il 1 dicembre a Pavia, presso l’Università degli Studi premieremo gli “Uomini illuminati”che abbiamo incontrato durante lo svolgimento degli Stati Generali delle Donne in tutte le Regioni italiane”, conclude Isa Maggi.

I vincitori del premio sono: Aldo Autolitano, Medico, Lomellina; Luca Bernardo, Medico, Milano; Matteo Coperchini, Odontoiatra, Voghera. Moreno Baggini, Presidente della Caritas diocesana, Voghera. Lorenzo Bassi, Volontario, Voghera. Paolo Rossi, Docente universitario, Pisa ; Luca Lo Presti,  Fondatore e Presidente di Fondazione Pangea onlus, Milano. Angelo Lumelli, Germanista e traduttore di poeti romantici tedeschi, Voghera. Gino Fanelli,  Presidente e fondatore di Helpis, Pavia. Fabio Gagliardi,  Poeta, Alessandria. Primo Barzoni, Imprenditore, Mantova. Davide Zardo, Scrittore e giornalista, Lomellina. Fortunato Marco Ruggeri, Funzionario alla Camera di Commercio di Pavia. Mino Milani, Scrittore, Pavia. Domenico Di Conza, Portavoce Nazioni Unite Academic Impact, Foggia. Don Luca Roveda, Sacerdote, Inverno e Monteleone e Gerenzago. Fabrizio Lana, Poeta, Pavia. Pietro Pontremoli, Psicanalista, Pavia. Benito Fiori, Volontario in ambito ambientale e culturale, Cremona. Flavio Oreglio, Autore e musicista, Milano. Grammenos Mastrojeni, Diplomatico italiano, Roma. Fabio Rugge, Rettore dell’Università degli Studi di Pavia. Rosario Rizzuto, Rettore dell’Università di Padova. Alberto Rizzo, Presidente del Tribunale di Vicenza. Carlo Nordio, Magistrato e Procuratore aggiunto di Venezia.

Nella prima edizione (2017) si erano aggiudicati il premio, tra gli altri, Riccardo Bettiga, presidente dell’Ordine degli psicologi di Regione Lombardia per aver contribuito al dibattito regionale sui temi della violenza di genere  in chiave di sostegno alle vittime e l’aver fortemente voluto la Panchina Rossa presso l’Ordine degli Psicologi della Lombardia rappresenta un chiaro segnale; e il magistrato Fabio Roia, Attualmente Presidente di Sezione del Tribunale di Milano, in precedenza è stato Pubblico Ministero presso la Procura di Milano dove si è occupato sempre di reati connessi alla violenza contro donne e minori. E’ componente, in rappresentanza di tutto il sistema giudiziario lombardo, del tavolo permanente in tema di interventi di prevenzione, contrasto e sostegno a favore di donne vittime di violenza istituito da Regione Lombardia ed è stato premiato anche dal Corpo Consolare della Lombardia per il suo impegno a favore delle donne straniere.

FEDERICA BOSCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *