ANSA ULTIM'ORA

Norcia – Più turismo nei piccoli comuni, ma chiudono uffici postali e bancomat. I borghi più belli d’Italia si rivolgono al Governo

aprile 9th, 2018 | by redazione
Norcia – Più turismo nei piccoli comuni, ma chiudono uffici postali e bancomat. I borghi più belli d’Italia si rivolgono al Governo
Italynchiesta
0

Norcia – Piccoli Comuni e Borghi sempre più mete turistiche gradite da italiani e stranieri. Secondo uno studio dell’Istat sul turismo nei Borghi presentato dal Direttore Statistiche Ambientali e Territoriali Sandro Cruciani, in occasione dell’assemblea nazionale dell’associazione Borghi più belli,  emerge che gli arrivi nel 2016 sono stati oltre 3 milioni (erano 2,9 nel 2015): pari al 2,9% del totale nazionale, con in media di quasi 12 mila arrivi turistici l’anno per borgo; 12,7 milioni le presenze (erano 12,2 nel 2015, con un incremento del 3,9%): pari al 3,1% del totale nazionale e 45 mila notti l’anno per borgo; 3,8 giorni di permanenza media, superiore che nel resto d’Italia (3,4 giorni) Per quanto riguarda l’offerta ricettiva, sono 191.000 i posti letto nei Borghi e 7.330 gli esercizi ricettivi. Durante il 2017 sono state inoltre assegnate nuove certificazioni con l’ammissione di 13 nuovi borghi che portano oggi a 281 i comuni facenti parti dell’associazione Borghi più belli. Dati significativi che pongono il comparto Borghi in una posizione di tutto rispetto nelle scelte dei turisti pertanto, come sottolineato durante l’Assemblea che si è tenuta lo scorso 7 aprile a Norcia, è emersa la necessità di affrontare con decisione il tema della chiusura degli uffici postali e dei bancomat nei piccoli centri. Una scelta del governo per ridurre i costi e ottimizzare le risorse che invece rende di fatto difficile l’accoglienza in questi territori. A tal proposito l’Assemblea ha autorizzato il Presidente a fare una richiesta ufficiale alle autorità competenti di prendere le misure opportune per arginare questa tendenza. “L’azione che ci è stata sollecitata dai Comuni aderenti, – ha dichiarato Fiorello Primi, Presidente de I Borghi più belli d’Italia – è quella di far sì che le eccellenze di cui essi sono i massimi rappresentanti siano opportunamente sostenute sia dal governo nazionale che dalle regioni, perché i Borghi rappresentano il futuro dell’economia turistica nazionale”.

FEDERICA BOSCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *