ANSA ULTIM'ORA

Napoli – Un braccialetto per dire stop alla violenza sulle donne

novembre 27th, 2018 | by redazione
Napoli – Un braccialetto per dire stop alla violenza sulle donne
Bar Italia
0

Un braccialetto per aiutare le donne vittime di stalking, di violenza fisica, psicologica e di maltrattamenti. E’ la prima risposta concreta dell’Italia per arginare una piaga sociale che da anni sta minando la società e che vede un numero crescente di  donne cadere sotto l’ira di compagni, di mariti o di amanti.  A Napoli, partirà la prima sperimentazione di un progetto che coinvolge l’arma dei carabinieri, l’associazione  Woman Care Trust, impegnata per la tutela delle vittime di violenza di genere, e la fondazione Vodafone Italia che assiste le categorie deboli e che, con la collaborazione della società Intellitronika, ha avviato la sperimentazione del sistema Mobile Angel. “Il progetto prevede la consegna alle vittime di violenza, che abbiano preventivamente prestato il proprio consenso, di uno smart watch. – spiegano all’associazione Woman Care – Il dispositivo è dotato di un sensore che si attiva con un movimento anomalo, non necessariamente un atto di violenza, e che attraverso un sistema di allarme invia la richiesta di intervento alla Centrale operativa del Comando provinciale dei carabinieri di Napoli la quale dispone l’immediato intervento”. Se Napoli si appresta a raccogliere i  dati e ad attenzionare  le donne coinvolte nella sperimentazione, a Milano si lavora sul piano psicologico attraverso una educazione finanziaria messa in campo dall’ordine regionale degli psicologi con il supporto di legali, commercialisti e medici per restituire alle donne vittime di violenza gli strumenti per rinascere attraverso  il progetto “Tu puoi, la psicologia per i diritti delle donne” . L’iniziativa, promossa da Woman Care Trust Onlus, è stata presentata nel pomeriggio  presso la Casa della Psicologia in piazza castello  2 dove, tra l’altro, lo scorso anno è stata posizionata la panchina rossa, in ricordo di tutte le vittime di femminicidio.

FEDERICA BOSCO 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *