ANSA ULTIM'ORA

Copyright: approvata la direttiva. Maullu (Fi-Ppe) “Giustizia per lavoratori, duro colpo per fake news”

settembre 12th, 2018 | by redazione
Copyright: approvata la direttiva. Maullu (Fi-Ppe) “Giustizia per lavoratori, duro colpo per fake news”
Bar Italia
0
Stefano Maullu europarlamentare di Forza Italia

Stefano Maullu europarlamentare di Forza Italia

Milano – Con l’approvazione della direttiva sul Copyright in molti saranno a beneficiarne. A cominciare proprio da Milano e dalla Lombardia dove, nel corso dell’ultimo anno, l’industria culturale e creativa ha prodotto circa 24 miliardi di euro di valore aggiunto su un totale di 90 miliardi a livello nazionale, dando lavoro a più di 350 mila persone e contando ben 61 mila aziende, ovvero il 7,4% del totale degli occupati in Lombardia. Tra le città lombarde, in termini di ricchezza e occupazione nel settore creativo, Milano è ovviamente ai vertici e rappresenta la capitale italiana dell’industria creativa.

“Questa approvazione, in definitiva, rappresenta un colpo durissimo per i colossi del Web come Google, che sfruttavano un’immensa quantità di contenuti senza riconoscere una giusta retribuzione ai loro autori. – rimarca soddisfatto Stefano Maullu, europarlamentare di Forza Italia – Oggi, al Parlamento Europeo, la vittoria è soprattutto loro, dei lavoratori e dei creativi. Da parte mia, da eurodeputato ben consapevole del valore di Milano e del suo potenziale creativo, ho portato avanti questa battaglia di giustizia per diversi mesi, con determinazione, e alla fine siamo riusciti a vincere, difendendo il valore creativo di Milano. E’ stata una battaglia impegnativa e dura, ma alla fine siamo riusciti ad affermare un principio di giustizia e civiltà. L’approvazione della direttiva segna anche una clamorosa sconfitta per le fake news,  portate avanti paventando spettri di link tax e bufale varie, evidentemente utili proprio ai giganti del web che avevano interesse che nulla cambiasse. D’ora in avanti, questi colossi saranno costretti a misurarsi con le giuste retribuzioni da fornire ai creatori dei contenuti, a chi permette di guadagnare cifre da capogiro grazie agli introiti pubblicitari. La vittoria di oggi rappresenta anche un passo avanti nel segno della qualità dell’informazione e del contrasto per il dilagante fenomeno delle fake news”.
LA REDAZIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *