ANSA ULTIM'ORA

A Livigno inaugurati gli Chalet di neve, per una vacanza da brividi…

dicembre 24th, 2017 | by redazione
A Livigno inaugurati gli Chalet di neve, per una vacanza da brividi…
On the road
0

Vacanze da brividi… è il caso di dirlo quando la meta del viaggio è un hotel di ghiaccio. Sempre più numerosi sono i turisti, coppie e famiglie, che scelgono come meta una località nordica per provare l’ebrezza di trascorrere una notta al gelo avvolti da un caldo sacco a pelo termico. Bene, quest’anno non sarà necessario imbarcarsi su un volo diretto nel nord Europa, ma sarà sufficiente per i turisti raggiungere la vicina Livigno per trovare a 1816 metri di altitudine uno scenario unico che evoca il magico mondo delle fiabe.  l’Hotel Lac Salin montain resort, infatti, dopo l’esperimento dello scorso anno, perfettamente riuscito, di creare una struttura con la neve, quest’anno ha incaricato ingegneri, architetti ed artisti delle sculture di ghiaccio di realizzare due chalet a tema che rappresentano la meta ideale per quanti desiderano trascorrere un weekend in un’atmosfera magica.  Dal 20 dicembre a fine febbraio dunque i turisti potranno addormentarsi in stanze realizzate solo con la neve, avvolti in una coperta di pelliccia e risvegliarsi al mattino in un silenzio ovattato in un’atmosfera algida. Due chalet di neve pressata di 5 metri di diametro decorate con sculture in neve ispirate ad Art in Ice, la manifestazione di arte contemporanea che si è tenuta per 18 anni a Livigno e che ha lasciato proprio in eredità questa idea vincente. I due chalet, distanti pochi centinaia di metri hanno caratteristiche differenti: Livigno Design ispirato alla campagna, riproduce una fattoria con tanto di animali stilizzati, mentre Sound Design propone il magico mondo della musica con strumenti e note musicali in ogni ambiente.  La direzione artistica di questa Snow Dream Experience, per il secondo anno consecutivo, è stata affidata a Vania Cusini, celebre artista locale che in passato si era più volte distinta nella realizzazione di sculture di neve ottenendo due prestigiosi riconoscimenti, nel 2011 vincendo il concorso Art in Ice con l’opera “S-culture ancora per quanto? Nel 2015 conquistando la Russian Cup of Snow and Ice Zimniy Vernissage organizzata dal Ministero di Cultura Russo, e nel gennaio 2016 aggiudicandosi il terzo posto al Festival internazionale di sculture di neve ad Harbin in Cina con l’opera “Travel of life”.  Tra il silenzio dei ghiacci e il panorama mozzafiato, chi sceglie di trascorrere due notti nello chalet di neve deve sapere che negli hotel di ghiaccio fa freddo. La temperatura delle camere è piuttosto rigida, intorno a zero gradi, tutto all’interno è realizzato con il ghiaccio, persino il letto su cui poggia un materasso termico con coperte di lana e pelliccia. Ma a rendere calda l’atmosfera ci pensa il centro benessere dislocato a pochi metri di distanza dagli chalet in cui gli ospiti potranno rigenerarsi con sauna, bagno turco, idromassaggio, piscine riscaldate oltre che aree massaggi con trattamenti olistici, ayurveda e shiatzu. Un weekend tra i ghiacci in Italia con degustazione di prodotti tipici nel Stua da Legn Restaurant e percorso benessere ha un costo che si aggira intorno ai 400 euro a chalet con la possibilità di scegliere un viaggio nella tradizione (Livigno Design) con degustazione dei prodotti locali o in una magica atmosfera con aperitivo musicale e sinfonia di sapori (Sound Design).

 hotel de glace 4A casa di Frozen

Dalla Lapponia, alle Alpi Svizzere, dal Québec alla Svezia, sono sempre più numerosi gli hotel igloo che hanno conquistato i turisti di tutto il mondo desiderosi di vivere un’esperienza indimenticabile, tra i ghiacciai. Tante le ragioni per scegliere queste mete, a cominciare dal fascino della rinascita che ogni anno si ripropone, rendendo la struttura una sorta di araba fenice. E’ il caso dell’hotel di ghiaccio di Jukkasjarvi, nella Lapponia Svedese, 65 camere, un terrazzo per ammirare l’aurora boreale, un centro benessere e persino un cinema che ogni anno rinasce dalla neve naturale prelevata da uno degli ultimi fiumi incontaminati d’Europa, a 200 chilometri dal Circolo Polare.  In primavera tutto si scioglie, le stanze svaniscono e le sculture vengono restituite a madre natura, ma l’inverno successivo tutto rinasce diverso e sempre unico. Tutto è magia: Si dorme al freddo, si cena come eschimesi, ma si brinda in saloni da fiaba e si guardano le stelle dagli igloo e c’è persino una chiesa dove poter convolare a giuste nozze in un clima da… gelo. Da un paese scandinavo all’altro, anche la Norvegia ha il suo hotel di ghiaccio da esibire al mondo. Il Bjiorlj Ice Hotel si trova a tre ore da Trondheim, 26 camere e un bar con tavoli e sedie di ghiaccio naturalmente. A chiudere il cerchio della penisola scandinava ci pensa lo Snow Castle di Kemi in Finlandia, un vero e proprio castello di ghiaccio in cui è possibile dormire con vista del cielo per permettere agli ospiti di ammirare l’aurora boreale sdraiati sul letto. Il castello finlandese che ha anche un ristorante con 150 coperti e un bar, ogni anno viene rifatto con un tema diverso, scatenando la fantasia degli artisti del ghiaccio, oltre che la curiosità dei turisti, famiglie con bambini e coppie. E proprio per i bambini sembra essere fatto l’Hotel de Glace in Québec  in Canada, che, oltre ad essere stato il primo albergo di ghiaccio del Nord America, è anche considerato la fonte di ispirazione per la creazione del palazzo di ghiaccio del film Frozen della Disney.  A breve distanza da Quebec city, neve e ghiaccio creano un’atmosfera unica dove all’interno del castello si trovano ristoranti, bar, una chiesa e una discoteca, tutti ispirati al mondo magico della fantasia.

 

FEDERICA BOSCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *