ANSA ULTIM'ORA

Parma – Ponti: rischio collasso. Brigati (Fi) “Situazione tragica, Delrio intervenga subito”

ottobre 11th, 2017 | by redazione
Parma – Ponti: rischio collasso. Brigati (Fi) “Situazione tragica, Delrio intervenga subito”
Nord Sud Ovest Est
0

COLORNO (PR) – Infrastrutture nell’occhio del ciclone. A fare una disamina sulla situazione dei ponti in particolare quelli sul Po al confine tra Emilia Romagna e Lombardia è Nicolas Brigati, coordinatore provinciale di Forza Italia Giovani di Parma. “Invito il ministro Delrio a interrompere lo sciopero della fame e a rimettersi in forze per affrontare nel pieno della forma fisica gli ultimi mesi del suo mandato. Lo aspettano sulla sua scrivania tanti dossier bollenti e davvero non mi sembra il caso che consumi energie per un tema come lo ius soli che nemmeno è di sua competenza” – incalza  Nicolas Brigati, coordinatore provinciale di Forza Italia Giovani Parma.-  “Una situazione in particolare mi sta a cuore: le condizioni dei ponti sul fiume Po che collegano l’Emilia Romagna (la Regione di Delrio) alla Lombardia. Ci sono ponti: uno di questi tra Colorno (Pr) e Casalmaggiore (Cr) è chiuso, un’altro tra Ragazzola (Pr) e San Daniele Po (Cr) è percorribile solo a senso unico alternato e gli altri tre hanno bisogno di manutenzione. Delrio, forse, non lo sa, ma la situazione tragica delle infrastrutture sta mettendo in grossissima difficoltà la Bassa parmense e la Bassa cremonese e in particolare le tantissime aziende della zona. Davvero non si capisce come questa non possa essere una priorità per il Ministro. Vuole forse vedere in ginocchio una delle zone più attive e produttive d’Italia? Oppure aspetta che succede qualcosa di grave? A mio avviso è una semplice questione di priorità:  – conclude il coordinatore provinciale di Forza Italia – Delrio non affronta la situazione perchè non la ritiene una priorità, seguendo probabilmente i consigli del suo amico Bonaccini. Il ministro e il Governo non possono nascondersi dietro la scusa della scarsità di risorse: i soldi si trovano. E data la condizione generale delle infrastrutture italiane, sarebbe davvero il caso di affrontare seriamente questo tema”.

                                                                                                                                                     FEDERICA BOSCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *