ANSA ULTIM'ORA

Maruggio (Ta) – Matrimonio sulla spiaggia, nel Salento si può. Longo “Idea vincente”

luglio 26th, 2017 | by redazione
Maruggio (Ta) – Matrimonio sulla spiaggia, nel Salento si può. Longo “Idea vincente”
Nord Sud Ovest Est
0
alfredo longo

Alfredo Longo sindaco di Maruggio

Maruggio (Ta)  – Il sogno di sposarsi sulla spiaggia con in sottofondo la musica del mare e un tramonto romantico che fino a qualche anno fa era uno scenario esclusivo di isole esotiche oggi è possibile anche in Italia e precisamente in Puglia. Ad introdurre la novità che ogni anno cattura in media centinaia di coppie, soprattutto straniere, è stato Maruggio centro turistico situato nel Salento Tarantino che ha introdotto, con un decreto, la possibilità di coronare il sogno d’amore di tante giovani coppie. Insomma quello che fino a qualche anno fa era un sogno riservato a pochi eletti, oggi è alla portata di tutti. “L’idea è nata per soddisfare la richiesta di un amico -spiega Alfredo Longo sindaco di Forza Italia di Maruggio che per primo ha portato in Italia la novità – che voleva sposarsi in un angolo romantico della nostra costiera. Alla sua insistenza ha fatto seguito la mia disponibilità ad effettuare una duplice funzione, prima in comune per dare valore legale al matrimonio e poi in spiaggia dove alla presenza dei funzionari municipali, di parenti ed amici è stata replicata la cerimonia”.  Il risultato è stato sorprendente perché sono arrivate centinaia di richieste non solo da residenti, ma da ogni parte d’italia e d’Europa. A quel punto ho cercato il modo di dare valore alla cerimonia sulla spiaggia e poter rendere effettivo questo progetto. Il tutto si è concretizzato quando tre anni fa mi sono imbattuto in una sentenza della cassazione del Lazio dove veniva riconosciuta la cerimonia nel momento in cui era celebrata in un locale del comune. A quel punto il gioco era fatto, il Comune ha acquisito un piccolo deposito sulla spiaggia che è stato attrezzato con gazebo, altare e sedie per celebrare i matrimoni”. Trattandosi di una attività in piena regola è stato trasformato il servizio in un business con tanto di tariffario per i novelli sposi residenti e non. “In media sposarsi sulla spiaggia costa 1000 euro per i non residenti e 500 per i residenti, una cifra abbordabile per chi investe centinaia di euro per coronare il sogno di una vita – commenta il sindaco – ed infatti le richieste non mancano. Oggi in media facciamo 20 matrimoni l’anno con un introito per il comune che si aggira sui 10, 12 mila euro, anche se la concorrenza non manca, perché in pochi mesi la nostra idea è stata trasferita anche in altre località della zona tra cui la più celebre Gallipoli, ma nessun timore c’è spazio per tutti”, precisa il sindaco forzista.

Dai dati di tre anni di attività a Maruggio è emerso che  ad amare il matrimonio sul mare sono soprattutto giovani coppie straniere, dai 30 ai 40 anni, in particolare del nord Europa, anche se non manca la richiesta di sposi del nord Italia e over 60 che decidono di replicare il giorno più bello della loro vita rinnovando la promessa sul mare. Di sicuro il business dei matrimoni in spiaggia è destinato a crescere e diventare un vero e proprio volano per l’economia locale. “Cerchiamo di dare risalto all’iniziativa – ammette il sindaco – perché se la cerimonia in sé porta alle casse del comune una cifra del tutto simbolica, in realtà intorno ad una funzione civile o religiosa si articolano tutta una serie di servizi che per il numero di persone che muove l’evento hanno un peso non indifferente. Pensiamo agli alberghi e le masserie che nel momento in cui si celebra un matrimonio vengono presi letteralmente d’assalto per un week end, allo stesso modo dei ristoratori. Senza dimenticare fioristi e parrucchieri per concludere con i fotografi che hanno il compito di rendere immortale il ricordo del giorno più bello della vita dei nostri sposi”.

                                                                                                                                                                                         FEDERICA BOSCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *