ANSA ULTIM'ORA

Gorizia – Immigrazione: nuovi arrivi. Marin (FI) “Agevolare il rimpatrio unica strada possibile”

agosto 10th, 2017 | by redazione
Gorizia – Immigrazione: nuovi arrivi. Marin (FI) “Agevolare il rimpatrio unica strada possibile”
Bar Italia
0

Gorizia –  Il Consigliere regionale Roberto Marin (Forza Italia) si è recato in visita istituzionale alla Prefettura di Gorizia dove è stato ricevuto dal Vice Prefetto Vicario Dott. Antonino Gulletta che gli ha illustrato i numeri dell’accoglienza nella provincia, ma soprattutto nella città di Gorizia che proprio in questi giorni, dopo avere avuto il trasferimento di 75 richiedenti asilo, ha visto nuovamente un numero imprecisato di arrivi.

“Il sistema di accoglienza –afferma Marin- nella città di Gorizia è completamente sottodimensionato rispetto agli arrivi. Questo anche in quanto la presenza della sede della Commissione Richiedenti Asilo in città, fortemente voluta da esponenti locali del Partito Democratico, attira gli arrivi ed è in affanno per gestirli dal momento che si stanno sempre più moltiplicando. Il Vice Prefetto Gulletta, a cui va dato atto della correttezza ed impegno, mi ha riferito –ancora il forzista – che in pochi giorni i trasferiti vengono rimpiazzati, grazie al tam tam telefonico ed alla percezione di sicurezza ed ospitalità data dalla città, assieme alla presenza della Commissione Rifugiati”.  Il problema secondo quanto riferito dal funzionario  è l’arrivo quasi esclusivo di persone provenienti dal Pachistan che vengono fotosegnalati e respinti da Paesi come Austria, Germania, Francia e ora anche Belgio e, non potendo rientrare nel Paese d’origine, attraversano il Brennero e Tarvisio e si giocano le loro ultime  speranze in Friuli Venezia Giulia. “Evidentemente il blocco ungherese funziona visto che nessuno entra più dalla Slovenia – evidenzia Gulletta –  Sono assolutamente d’accordo con quanto detto dal Sindaco di Gorizia, Rodolfo Ziberna, che è necessario che le pattuglie miste al confine facciano il lavoro per cui sono nate, così come sarebbe utile che a livello nazionale i partiti facessero leva sul Ministro Minniti per arginare questi continui arrivi visto che pare che la principale preoccupazione, come in parte è pure giusto, siano gli sbarchi dalla Libia. In questo momento serve inoltre una forte azione da parte anche dei nostri parlamentari europei. A breve informerò e incontrerò l’On.le Sandra Savino per concordare delle azioni comuni.”

Aspetto non trascurabile è inoltre il tempo necessario per i riconoscimenti di queste persone, già inseriti in banca dati europea, che ovviamente si presentano privi di documenti per ritardare il tempo di riconoscimento e schedatura che arriva a superare anche i sei mesi.

“Sono tutti bene informati –afferma il consigliere forzista- sanno pure che possono ricorrere contro le eventuali espulsioni  con il patrocinio gratuito di un avvocato. L’attesa è spesso superiore ai due anni a carico dei centri di accoglienza ovviamente. Nella maggior parte dei casi durante quel periodo o immediatamente dopo si dileguano per tentare di raggiungere altre mete europee.”

“La mia preoccupazione per Gorizia ed il Friuli Venezia Giulia –conclude Marin- sia che ci troviamo di fronte ad un fenomeno senza fine. Ecco perché l’unica strada possibile è di ridurre i tempi di attesa e stabilire da subito dei piani di rimpatrio per le persone che evidentemente non scappano da nessuna guerra, ma sono migranti economici.”

                                                                                                                                                                      FEDERICA BOSCO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *